Internet delle cose aziende: gli utilizzi


Internet delle cose aziende

Tante funzionalità si nascondono dietro Internet delle cose aziende

Internet delle cose, anche noto come internet degli oggetti (Internet of Things) è un neologismo entrato nella vita di tutti i giorni con il quale si definisce la rete di apparecchiature e dispositivi differenti dai computer connessi al web. Internet delle cose significa quindi che qualsiasi oggetto equipaggiato con un software che gli consenta di scambiare dati con gli altri oggetti connessi può diventare “intelligente”. Possono entrare a far parte di Internet delle cose aziende tanti oggetti come sensori per il fitness, automobili, radio, impianti di climatizzazione, elettrodomestici, sveglie ma anche lampadine, telecamere, pezzi di arredamento e persino i container per il trasporto delle merci. I campi di applicazione di internet delle cose sono davvero molteplici e infatti almeno teoricamente è possibile collegare qualsiasi oggetto alla rete di internet delle cose. Per entrare a far parte di internet delle cose un oggetto dovrà avere un indirizzo Ip che ne consenta l’identificazione univoca sulla Rete e la capacità di scambiare e raccogliere dati in modo autonomo, senza quindi l’intervento umano.

Come si comportano gli oggetti, con Internet delle cose aziende?

Gli oggetti intelligenti di internet delle cose dovranno quindi essere in grado di raccogliere, monitorare e scambiare dati così da semplificare la vita dell’utilizzatore automatizzando tutta una serie di processi complessi e mettendo quindi a disposizione una serie di informazioni utili. Un esempio di come internet delle cose sia una tecnologia in grado di semplificare la nostra vita potrebbe essere quello della smart road, una strada che grazie agli oggetti intelligenti acquisisce la possibilità di dialogare con auto, semafori e segnaletica così da ottimizzare in tempo reale i flussi di traffico, monitorare l’inquinamento e i tempi di percorrenza. Altro esempio di possibili applicazioni di internet delle cose aziende è il frigorifero “intelligente” in grado di segnalare all’utente l’eventuale esaurimento scorte e di effettuare ordini presso i negozianti in completa autonomia. Si pensi anche ai termostati intelligenti che, con Internet delle cose, saranno in grado di imparare orari ed esigenze così da scegliere la temperatura ideale in ogni situazione e massimizzare il risparmio di energia. Già oggi secondo alcune stime ci sarebbero qualcosa come oltre 5 miliardi di oggetti connessi in internet delle cose e tutto lascia pensare che tale numero si moltiplicherà nei prossimi anni fino a diventare 25 miliardi entro il 2020.

Come cambierà il futuro grazie a Internet delle cose aziende

Gli oggetti connessi che formano internet delle cose consentiranno nei prossimi anni anche di ottimizzare in tempo reale processi produttivi ed attività economiche così da ridurre l’impatto dell’inquinamento e il consumo di risorse in modo concreto. Le amministrazioni comunali potranno ad esempio utilizzare internet delle cose per gestire l’illuminazione pubblica e contenere anche del 40% i consumi di energia elettrica grazie ai dati raccolti in tempo reale dagli oggetti intelligenti. Con internet delle cose gli oggetti intelligenti abiliteranno nuove funzionalità trasversali così da permettere una gestione efficace di una mole norme di dati, una vera e propria opportunità per le aziende che vogliono intraprendere un percorso di digital trasformation e vogliono ridefinire il rapporto tra le diverse aree del business. Insomma, con internet delle cose aziende a cambiare sono gli oggetti che, oltre alle funzioni per i quali sono stati progettati consentono anche di raccogliere e trasmettere informazioni.